top of page

Realtà Quotidiana

lampadina.jpg

Stop.
Vuoto.

Questa situazione è comune, conosciuta e temuta dai tanti che si apprestino a sostenere una prova. Un’interrogazione, esame, colloquio o presentazione.

hoesagerato.jpg

Ok troverete questa affermazione inizialmente come una banalità che non meriterebbe il tempo dedicato in classe, nemmeno sui libri per studiarne tutte le dissertazioni che il prof. di turno vi propinerà.

prop.png

Quando parliamo di Propaganda si intende "l'attività di disseminazione di idee e informazioni con lo scopo di indurre a specifici atteggiamenti e azioni" ossia il "conscio, metodico e pianificato utilizzo di tecniche di persuasione per raggiungere specifici obiettivi atti a beneficiare coloro che organizzano il processo".

tv1.jpg

Riprendendo il concetto di massa approfondito nel precedente articolo, è interessante notare come normalmente venga fatta una naturale confusione riguardo le caratteristiche della massa, mischiando termini e concetti ritenuti sinonimi. Qui proponiamo tre false convinzioni che possono aiutare a fare chiarezza iniziale riguardo il soggetto sociale in questione:

La nostra stretta attualità ha delle sfumature particolari, che danno ragione a un collega coevo di Le Bon che già nel 1901 ridefiniva il soggetto protagonista della società del futuro – la nostra – e ne delineava i tratti per profilare il vero bersaglio della propaganda del domani. Infatti, criticando l’amico Le Bon, Gabriel Tarde sostiene che il pubblico sarebbe stato il "gruppo sociale del futuro".

what-is-freedom.jpg

Che si tratti di massa o pubblico, il bersaglio della propaganda si caratterizza per passività e reattività meccanica agli stimoli indotti. Vi sono tanti principi psicologici e tecnici che permettono di indurre uno stimolo e un’intensità adeguata a garantire la reazione prevista e, insieme alle strategie studiate, meritano la quantità di libri che sono stati scritti a riguardo.

bottom of page